Progetto Anci Anti Sprechi Alimentari

Salta al contenuto

La prevenzione degli sprechi alimentari nelle scuole parte da una corretta definizione dei capitolati di gara per l’affidamento del servizio di refezione scolastica. La previsione di specifici criteri volti a favorire la riduzione degli avanzi nei piatti e la redistribuzione delle eccedenze di pasto cotto non servito risulta infatti essenziale al fine di garantire il coinvolgimento attivo del soggetto gestore e l’integrazione di obiettivi di riduzione dello spreco alimentare nella prassi operativa del servizio mensa.

Tra le principali tipologie di iniziative realizzabili nelle/dalle scuole si segnalano in particolare:

  • Progetti di educazione alimentare con attività in aula, laboratori, orti scolastici, visite esterne;
  • Premi e concorsi per classi o scuole con focus sullo spreco alimentare;
  • Misurazione/monitoraggio degli sprechi alimentari;
  • Attività motoria prima della refezione;
  • Interventi sulle modalità di somministrazione (es. scodellameno progressivo);
  • Distribuzione di “food-bag” per consentire e promuovere l’asporto di pane, frutta, e prodotti confezionati non consumati;
  • Sostituzione della merenda portata da casa con frutta a metà mattina;
  • Interventi volti a migliorare il sistema di previsione delle presenze in mensa;
  • Interventi volti a migliorare il refettorio scolastico (locali, arredi, stoviglie);
  • Interventi sulla qualità e la presentazione del cibo;
  • Interventi sul contesto relazionale: interazioni fra gli alunni, inclusione delle diversità, presenza di adulti (insegnanti, genitori, ecc.).
  • Attivazione dei recuperi del cibo non somministrato da destinare ad enti di beneficenza del territorio;
  • Attivazione dei recuperi degli avanzi per piccoli allevatori o per animali da affezione.
Torna su